blog-1

Chi è lo psicologo e che benefici può apportare nella vita delle persone

Chi è lo psicologo?

Lo psicologo è un professionista del benessere della persona. L'art. 3 del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani recita: "Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell'individuo, del gruppo e della comunità. In ogni ambito professionale opera per migliorare la capacità della persona di comprendere se stessa e gli altri e di comportarsi in maniera consapevole, congrua ed efficace...".

Cosa fa lo psicologo?

Lo Psicologo favorisce un cambiamento, promuovere il benessere psicologico degli individui, migliora la capacità della persona di comprendere se stessa e gli altri.

Perché rivolgersi allo psicologo?


Nel corso della vita, di fronte a cambiamenti, scelte o eventi particolarmente stressanti, dolorosi e difficili da gestire, si può avvertire un disagio psicologico che alla lunga può compromettere la qualità della vita limitando la serenità e il benessere dell’individuo.
Il disagio può manifestarsi sotto diverse forme. I sintomi e i problemi che generalmente vengono portati in terapia riguardano i cosiddetti disturbi d’ansia (attacchi di panico, fobie, ansia generalizzata), e quelli dell’umore (aspetti depressivi, stati di generica insoddisfazione e vissuti di forte deprivazione), forme di disadattamento e difficoltà di integrazione, vissuti di inadeguatezza, difficoltà a relazionarsi con gli altri (nella coppia, nell’ambiente di lavoro, nelle amicizie, in famiglia), difficoltà a compiere scelte di vita importanti, disturbi dell’alimentazione.

Lo psicologo: quali sono gli strumenti di lavoro?


Gli strumenti conoscitivi dello psicologo sono diversi, i principali sono due: i test psicologici e il colloquio psicologico. I test psicologici sono strumenti utilizzati per acquisire informazioni sulle funzioni psichiche dell'individuo. Possono essere di vari tipi: scale di autovalutazione, test di personalità, ecc… Il colloquio psicologico è uno strumento di conoscenza che utilizza l'incontro e la comunicazione fra due o più persone.Nel corso del processo psicoterapeutico, l’obiettivo del colloquio è quello di favorire la costruzione di nuove letture e possibilità di cambiamento.

Come sono strutturati gli incontri?


Cliente e psicologo interagiscono stando seduti l'uno di fronte all'altro. Entrambi rivestono un ruolo attivo nella ricerca di soluzioni e lavorano insieme nel definire obiettivi e priorità e nel verificare l'utilità e l'efficacia degli interventi realizzati.

Quali benefici potrei conseguire?


I benefici e gli effetti conseguibili mediante un trattamento psicologico sono i seguenti: riduzione della sofferenza psicologica; promozione del benessere psicologico; raggiungimento di un miglior equilibrio psichico personale; miglioramento delle capacità relazionali; miglioramento della gestione dei propri stati emotivi; raggiungimento di una migliore comprensione di sé e dell'altro.

Se voglio smettere?


Il cliente può interrompere il trattamento psicologico in qualsiasi momento.

Lo psicologo ha l'obbligo del segreto professionale?


Lo psicologo è tenuto all'osservanza del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, che prevede anche l'obbligo al segreto professionale derogabile solo previo valido e dimostrabile consenso del cliente.

Lo psicologo può prescrivere farmaci?


No, lo psicologo non può prescrivere farmaci.

Quanto dura la singola seduta?


Ogni seduta ha la durata di circa 60 minuti con frequenza da valutare in relazione alla problematica psicologica e alle disponibilità del paziente e dello psicologo.